IN VISIONE PER LA STAMPA ABRUZZESE E PER TRE SALE SCELTE DEL MULTIPLEX DELL’ARCA, L’ULTIMA FATICA CINEMATOGRAFICA DI CARLO VERDONE, “SI VIVE UNA VOLTA SOLA”

In conferenza stampa, questo pomeriggio, Carlo Verdone (regista ed attore co-protagonista) e Rocco Papaleo, in rappresentanza anche degli altri due co protagonisti Max Tortora e Anna Foglietta. Carlo Verdone ritorna in Abruzzo per presentare in anteprima il nuovo film da lui diretto e interpretato, con una storia carica di risate e riflessioni, una irresistibile, beffarda radiografia dei nostri tempi del regista romano che ancora una volta ci regala uno spaccato del presente attraverso il suo sguardo acuto, dissacrante e sempre originale.

Tre uomini e una donna. Un quartetto di medici tanto abili in sala operatoria, visto che persino il Papa si affida alle loro cure, quanto inaffidabili, fragili e maldestri nella vita privata. Il regista/attore Verdone la fa da mattatore, in conferenza stampa: le domande sono tutte per lui e questo crea anche una gag con il frizzante Rocco Papaleo, “il sottotilo del film –dice Carlo Verdone, ricordando quello che gli diceva sua madre, “Si Vive Una volta Sola” – potrebbe essere carpe diem, cogli l’attimo”.

Lavorano per la prima volta insieme i 4 protagonisti del film e Rocco Papaleo dice: “Inutile vi dica cosa significa lavorare con un icona come Carlo, solo che lo devo cazziare sempre…racconta tutto del fim!” Carlo verdone con calma , provato dal lungo Tour di promozione, si infervora solo quando gli chiedono se il film è maschilista. Si scherza sul fatto che sia ipocondriaco, dato prontamente smentito dal regista, che sta però simpaticamente al gioco, consigliando accorgimenti sanitari per un intervistatore con problemi di occlusione nasale. “L’ Abruzzo mi porta bene- dice- e tornerò” In sala, prima della proiezione, lo spingono a ricordare alcuni aneddoti e lui non si sottrare e ricorda di come lo bloccarono due coatti, a Roma, sotto casa, costringendolo a ricordare ed a ripetere alcune sue gag famose al telefono di una paziente ricoverata in un ospedale romano e sorella di uno dei due. Non si sottrare, poi, a foto ed autografi. Insomma un grande del nostro cinema , che si conferma tale, con umiltà ed ironia, un vero e proprio mito vivente, a cu fa da spalla un Rocco Papaleo sempre molto vivace ed accattivante, simpatico e disponibile, una presenza oramai consolidata del nostro cinema.

Nel film una grande Anna Foglietta, vero e proprio jolly, come anche un Max Tortora all’altezza degli altri protagonisti. Il pubblico alla fine applaude divertito, dopo aver goduto in spensieratezza la proiezione, con tante risate, ma anche importanti momenti di riflessione ed attenzione. “Si Vive Una Volta Sola”, è il ventisettesimo film diretto da Carlo Verdone, che ne è anche sceneggiatore insieme a Giovanni Veronesi e Pasquale Plastino. Il film è prodotto da Luigi e Aurelio De Laurentis ed è distribuito da Filmauro e Vision . Nelle sale abruzzesi dal 26 febbraio .

Donato Fioriti